Sei qui
Home > POLITICA > VIDEO – Spadafora – San Martino, la storia ventennale delle famiglie che si contendono un rivolo d’acqua

VIDEO – Spadafora – San Martino, la storia ventennale delle famiglie che si contendono un rivolo d’acqua

Spadafora (Me), 4 marzo 2019

Da vent’anni un’intera via con abitazioni, terreni ed isolati approvvigionata d’acqua potabile da un piccolo tubo di mezzo pollice, così quando uno di loro apre i rubinetti agli altri re arriva solo un rivolo. Questa è la situazione che il candidato sindaco di Rinasce Spadafora, Lillo Pistone, ha accertato incontrando gli abitanti in questione. “Se il mio vicino apre l’acqua a noi non ne arriva più, dice uno di loro, ed è così da quasi vent’anni, nonostante abbiamo più volte sollecitato l’amministrazione comunale”.

La vicenda infatti è datata e risale a quando in questa via fu elevata la prima costruzione il cui proprietario provvide ad allacciarsi autonomamente ed a proprie spese alla conduttura dell’acqua comunale utilizzando un tubo che all’epoca era appena sufficiente al fabbisogno di una abitazione. Da allora il numero di abitanti di questa via è notevolmente aumentato ma il tubo che porta qui l’acqua comunale è rimasto sempre quello da mezzo pollice e tra l’altro a vista, ovvero non interrato. “Quando il tubo si guasta, cosa che accade di frequente, dobbiamo attendere tempi biblici prima che chi di competenza intervenga” ha detto uno degli abitanti della via. “Una situazione rimasta dimenticata per la quale, nonostante le segnalazioni e le promesse, nonostante i costruttori abbiano pagato gli oneri, non è mai cambiata. L’amministrazione non è mai intervenuta per consentire a queste famiglie di poter avere dignitosamente l’acqua in casa in quantità normale. Chiederò all’amministrazione comunale uscente di Spadafora di provvedere prima di finire il loro mandato” ha dichiarato il candidato sindaco Lillo Pistone.

Inoltre questa strada non può avere le canalette di scolo dell’acqua piovana con la vegetazione incolta che le ostruisce. Veri e propri alberi cresciuti nel tempo laddove l’acqua piovana dovrebbe trovare normale via di fuga. Queste canalette a bordo strada devono essere ripulite e coperte subito!” ha concluso Pistone.

Lascia un commento

Top