Sei qui
Home > CRONACA > Pen drive esplosa in uffici procura Trapani, un arresto

Pen drive esplosa in uffici procura Trapani, un arresto

Pantelleria (Tp), 21 MAG – La Polizia di Stato ha arrestato un palermitano di 51 anni, disoccupato, ritenuto responsabile dell’esplosione della pen drive che, nell’ottobre 2018, ferì gravemente negli uffici della Procura della Repubblica di Trapani un ispettore superiore della polizia di Stato. L’operazione “Unabomber Pantelleria” condotta dalla squadra mobile di Trapani, insieme alla sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica, ha permesso “di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo – si legge in una nota – e di far luce anche sull’esplosione, avvenuta a Palermo nel luglio 2016, di un’altra pen-drive, che ferì gravemente un venticinquenne”.

E’ un ingegnere informatico di Palermo, Roberto Sparacio di 51 anni, l’uomo arrestato dalla polizia, con l’accusa di aver confezionato una pen drive esplosiva, che, l’8 ottobre scorso ferì gravemente ad una mano l’ispettore superiore della sezione di pg della polizia presso la Procura di Trapani Gianni Aceto. Il dispositivo fu recapitato nel settembre 2016 ad un avvocato civilista, Monica Maragno, all’interno di una busta con il falso logo dell’ordine degli avvocati. Il legale, insospettitosi, consegnò la busta all’Ordine professionale che, a sua volta, lo recapitò in Procura. L’ispettore Aceto, rimase ferito quando, su delega del pm, introdusse la pen drive in un pc della sezione di pg per visionarne il contenuto. L’arresto di Sparacio è stato eseguito in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip di Trapani. Secondo l’accusa l’ingegnere informatico – che collaborava con un docente della facoltà di ingegneria dell’università di Palermo, pur senza un formale contratto- avrebbe agito nel tentativo di impedire che i creditori aggredissero il patrimonio della sua famiglia, debitrice di ingenti somme di denaro. La pen drive infatti fu recapitata al legale alla vigilia di un’udienza di una causa civile scaturita dalla denuncia di un gruppo di creditori. Nel corso delle indagini -la polizia si è avvalsa di un agente sotto copertura – è emerso che l’ingegnere avrebbe confezionato un’altra pen drive esplosiva, destinata ad una persona che aveva acquistato all’asta un immobile appartenuto alla sua famiglia.

Roberto Sparacio, nato a Salerno, residente a Palermo e domiciliato a Pantelleria (Tp), l’ingegnere informatico arrestato con l’accusa di aver confezionato pen drive esplosive, è indagato per minacce aggravate, lesioni gravissime, tentata estorsione, fabbricazione, commercio e detenzione di materiale esplosivo e di addestramento a preparare esplosivi. Nell’abitazione del professionista, a Pantelleria, vi era un vero è proprio laboratorio per la preparazione di congegni esplosivi e per miscelare sostanze chimiche, ritenute dagli inquirenti, molto pericolose. La polizia – le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile e dalla sezione di pg della polizia presso la Procura di Trapani – ha scoperto, inoltre, in una cava di contrada Kazen, un kg di sostanze esplosive, miscelate, secondo gli inquirenti da Sparacio, “pericolosissime”, al punto che proprio in queste ore gli inquirenti, considerato che il materiale “non è trasportabile”, stanno valutando se farlo esplodere sul posto.

 

Lascia un commento

Top