Sei qui
Home > CRONACA > LA DIA DI MESSINA ARRESTA I DUE FRATELLI STRACUZZI, IMPRENDITORI OPERANTI NEL SETTORE DELLE ONORANZE FUNEBRI

LA DIA DI MESSINA ARRESTA I DUE FRATELLI STRACUZZI, IMPRENDITORI OPERANTI NEL SETTORE DELLE ONORANZE FUNEBRI

Messina, 20 dicembre

La DIA di Messina, con il supporto del Centro Operativo DIA di Catania, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Messina su proposta della Procura Distrettuale Antimafia peloritana, diretta del Proc. Maurizio DE LUCIA, nei confronti dei fratelli STRACUZZI, Giuseppe di 50 anni e Rocco di anni 47, intestatari della società COF. Cofani Funebri Amabile S.n.c., operante nel settore delle onoranze funebri, ritenuti responsabili di estorsione, minaccia a pubblico ufficiale ed elusione del provvedimento di amministrazione giudiziaria disposto a loro carico nel 2016 e riferito alla società a loro riconducibile.

LA DIA DI MESSINA ARRESTA I DUE FRATELLI STRACUZZI, IMPRENDITORI OPERANTI NEL SETTORE DELLE ONORANZE FUNEBRI

Gli investigatori della DIA hanno, in particolare, accertato come i due fratelli, nonostante fossero stati estromessi dall’Autorità Giudiziaria dalla gestione dell’impresa funebre, avessero di fatto continuato a gestirla, sottraendo parte dei proventi che venivano versati su conti bancari personali, creando così una contabilità parallela.

LA DIA DI MESSINA ARRESTA I DUE FRATELLI STRACUZZI, IMPRENDITORI OPERANTI NEL SETTORE DELLE ONORANZE FUNEBRI

È stato, inoltre, accertato come entrambi, anche attraverso minacce, abbiano costretto un loro dipendente a consegnare parte della retribuzione mensile e intimorito l’amministratore giudiziario, nominato dall’A.G., nell’esercizio delle sue funzioni, arrivando perfino a danneggiare i sistemi di videosorveglianza installati a tutela dei beni sequestrati. 

LA DIA DI MESSINA ARRESTA I DUE FRATELLI STRACUZZI, IMPRENDITORI OPERANTI NEL SETTORE DELLE ONORANZE FUNEBRI

Nei confronti dei fratelli STRACUZZI, ora detenuti presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi, l’A.G. ha disposto un sequestro per equivalente, in ordine alle somme indebitamente incassate sui conti personali.

Lascia un commento

Top