Sei qui
Home > CRONACA > Giustizia: rimborso spese detenzione, questa la norma

Giustizia: rimborso spese detenzione, questa la norma

PALERMO, 7 GEN – L’articolo 188 del codice penale prevede che “il condannato è obbligato a rimborsare all’erario dello Stato le spese per il suo mantenimento negli stabilimenti di pena (145 n. 2; c.p.p. 692, 535) e risponde di tale obbligazione con tutti i suoi beni mobili e immobili, presenti e futuri, a norma delle leggi civili (c.c. 2740)”. Al secondo comma il codice dispone che “l’obbligazione non si estende alla persona civilmente responsabile e non si trasmette agli eredi del condannato”. Nelle note è spiegato che ”Nel caso il condannato versi in disagiate condizioni economiche e abbia tenuto regolare condotta, può fruire del beneficio della remissione del debito, intesa come rinunzia dello Stato al suo diritto di credito, secondo quanto previsto dalle norme sull’ordinamento giudiziario (art. 56, l. 26 luglio 1975, n. 354)”.

Lascia un commento

Top